La Lavastoviglie

perché usarla e quale scegliere

stampa
La Lavastoviglie


Allora ragazzi, partendo dal presupposto che la faccenda domestica che odio di più in assoluto è sicuramente quella di lavare i piatti, oggi vi spiegherò tutti i vantaggi delle lavastoviglie moderne: una macchina che ci permette di guadagnare tempo, ma soprattutto denaro.

 

Basti pensare che gli elettrodomestici di oggi sono in grado di di lavare ben 14 coperti con solo 6 -7 o 8 litri d’acqua, quando una persona normale per lavare gli stessi piatti ne impiega circa 60 o 70.

E questo accade perchè le lavastoviglie di una volta continuavano a tirar dentro acqua pulita ed espellere acqua sporca; le macchine che ci sono adesso invece grazie a sofisticati sensori tirano dentro acqua e continuano a usare la stessa finchè questi lettori di torpidità non reputano che è necessario espellerla.

 

In cosa possono differenziarsi le macchine di oggi? Le lavastoviglie di oggi possono avere intanto una conformazione interna diversa, quindi o i classici due cassetti dove poi inserisco il mio secchiello per le posate, altrimenti due cassetti più il terzo cassetto basso superiore appunto per l’inserimento delle posate; altre addirittura hanno il cestello inferiore che per facilità del carico rialza fino al piano superiore.

Quindi, cosa andare a guardare esattamente quando andate ad acquistare una nuova lavastoviglie:

sicuramente la tabella energetica (o energy label, così la chiamano i produttori di queste etichette che sono diventate obbligatorie anche per le lavastoviglie. Adesso ho coperto il marchio per questioni di privacy, cosa potete vedere?

Allora sicuramente in primis hai la classe energetica con il consumo medio annuo;

 poi qua potete vedere il consumo idrico, sono sempre medie e statistiche riferite sempre al discorso di 365 giorni, quindi un anno;

la classe energetica efficace di asciugatura, la capienza - quindi numero di coperti           che può contenere quella macchina, ma soprattutto la rumorosità, espressa in decibel.

Soprattutto per quanto riguarda la rumorosità, il mio consiglioè comunque quello di stare sotto i 46 - 45 decibel; pensate addirittura che aziende top di gamma hanno dotato le nuove lavastoviglie di sensori che mi permettono intanto di vedere a che punto è il lavaggio con un - chiamiamolo - ologramma, trasmesso sul pavimento ma soprattutto una spia luminosa che essendo talmente silenziosa mi sta dicendo che sta funzionando.

Spero ancora una volta di esservi stato utile e ci vediamo nel prossimo video dove parlerò invece dei piani cottura, induzione o a gas.

Ciao a tutti!

Richiedi informazioni
Richiedi ulteriori informazioni senza impegno
  • (*) I campi contrassegnati con l'asterisco sono obbligatori.
Pubblicata il: 01/06/2019
Altri articoli

Registrati alla newsletter

Registrandovi riceverete via e-mail le nostre comunicazioni periodiche.
Informativa Privacy - Disclaim
Ai sensi del Regolamento UE 679/2016, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei volontariamente forniti per l'attivazione dei servizi richiesti saranno trattati, da parte nostra, adottando le misure idonee a garantirne la sicurezza e la riservatezza, nel rispetto della normativa sopra richiamata.
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +